top of page
  • entonote

Tradizione e futuro: quale cibo salverà la nostra salute?


IL FUTURO CI VOLA INCONTRO: GLI INSETTI

Non poteva mancare il futuro nelle analisi del Sisa ed ecco qui ricomparire il tema dell’avvento (prossimo? già in parte in atto?) degli insetti nella nostra alimentazione. Come ormai noto, questi piccoli animali sono ricchissimi di proteine, ci sono popolazioni che già che se nutrono da lungo tempo, ma da noi suscitano più che una perplessità. Ha comunque raccontata una docente dell’Università di Teramo, Veronica D’Antonio, che sono due miliardi quanti nel mondo si cibano di coleotteri e cicale, soffermandosi a indicarne i valori nutrizionali: «Hanno proteine simili a carne e pesce, alcune specie contengono più calcio del latte, più ferro degli spinaci, più fibre dei fagioli».

CAVALLETTE A COLAZIONE? ECCO GLI EFFETTI PER LA SALUTE

Le indagini sono state fatte più che altro in laboratorio, ma ci sono stati anche due studi sull’uomo, informa la professoressa D’Antonio: in un caso, colazione per 14 giorni con 25 grammi di polvere di grillo, si è constatato un miglioramento dello stato infiammatorio e nessun cambiamento nel microbiota, la popolazione di microrganismi che ospitiamo nell’intestino, fondamentali per la nostra salute. Nel secondo caso, in tavola ecco spaghetti con polvere del baco da seta: lodevole risultato, un calo del glucosio postprandiale nel sangue. «Sono dati interessanti – ha commentato la docente di Teramo. –Tanto che l’Unione europea ha già autorizzato come edibili grilli, cavallette e una particolare tarma della farina». Intanto le aziende si sono già mosse su questo fronte, che ha anche il pregio di far bene all’ambiente, servendoci polvere di insetti in integratori, pasta, burger.

Qui l'articolo completo https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/alimentazione/tradizione-e-futuro-quale-cibo-salvera-la-nostra-salute

14 visualizzazioni0 commenti
bottom of page