top of page

Un team di scienziati ha creato un riso ibrido con carne incorporata


Un gruppo di ricercatori coreani è riuscito a provocare la crescita dei muscoli della mucca e delle cellule adipose all’interno del riso. Il metodo, presentato mercoledì sulla rivista ‘Matter’, dà come risultato un alimento ibrido “nutriente, sicuro e gustoso” che potrebbe offrire “un’alternativa proteica più economica e meno inquinante”, secondo i ricercatori. “È il cibo del futuro”, dice a questo giornale Jinkee Hong, coautore dello studio e professore all’Università di Yonsei, in Corea del Sud. Per creare il riso ibrido, il team non ha utilizzato alcuna tecnologia genetica, ma ha invece sfruttato la struttura porosa dei chicchi per ospitare le cellule di origine animale nei loro angoli e fessure, come se riempissero i buchi di un formaggio Emmental. Inoltre, alcune molecole del riso favoriscono la crescita di queste cellule, facilitandone il lavoro. In primo luogo, gli scienziati hanno seminato grasso di mucca e cellule staminali muscolari su chicchi di riso ricoperti di gelatina di pesce, un ingrediente che aiuta le cellule ad aderire meglio al riso. Poi li hanno lasciati crescere per circa una settimana in una capsula Petri. Il prodotto finale, secondo gli autori dello studio, è un riso rosato con carne di manzo coltivata, i cui ingredienti principali soddisfano i requisiti di sicurezza alimentare e presentano un basso rischio di provocare allergie. Per caratterizzare il riso ibrido con carne, i ricercatori lo hanno cotto a vapore e hanno condotto varie analisi dell’industria alimentare, inclusi valore nutrizionale, odore e consistenza. I risultati hanno rivelato che il riso ibrido contiene l’8% in più di proteine ​​e il 7% in più di grassi rispetto al riso normale. Inoltre, è più solido e più fragile. Quello con il più alto contenuto di muscoli aveva composti olfattivi legati alla carne e alle mandorle, mentre quelli con il più alto contenuto di grassi ricordavano panna, burro e olio di cocco.

Hong spiega che il team sta lavorando per commercializzare la propria innovazione culinaria, “anche se ci sono ancora molti punti da risolvere, come l’ampliamento del processo di produzione, lo sviluppo di terreni di coltura cellulare per gli alimenti e l’approvazione degli standard di sicurezza alimentare“. Come primo passo, hanno completato la domanda di brevetto. Gran parte delle proteine ​​che mangiamo provengono dal bestiame, ma esso “consuma molte risorse e acqua e rilascia molti gas serra“. Il nuovo prodotto promette un’impronta di carbonio significativamente inferiore a una frazione del prezzo. Si stima che per ogni 100 g di proteine ​​prodotte, il riso ibrido rilasci meno di 6,27 kg di CO2, mentre la carne bovina ne rilascia 49,89 kg. Se commercializzato, il riso ibrido potrebbe costare circa 2,23 dollari al chilogrammo (poco più di due euro), mentre la carne bovina è molto più costosa.

Esistono altri alimenti innovativi come le carni coltivate ibride, le proteine ​​di soia testurizzate (TVP), la struttura gelatinosa e la carne a base di guscio d’uovo. Tuttavia, “siamo i primi a riferire di alimenti ibridi che utilizzano cereali”, afferma Hong. Il riso è il secondo cereale più prodotto al mondo, dietro al mais e prima del frumento, ed è alla base della dieta di milioni di persone per la sua facilità di coltivazione e il suo contenuto di carboidrati. Il ricercatore è convinto che questo tipo di alimenti ibridi prevarranno in futuro. Per fare questo, spiega, è necessario garantire sicurezza alimentare, qualità accettabile e produzione sostenibile. Ma prima che raggiunga il nostro stomaco, il team prevede di creare condizioni migliori nel grano affinché sia ​​le cellule muscolari che quelle adipose possano prosperare, il che può aumentare ulteriormente il valore nutrizionale. «I consumatori si avvicinano ai cibi del futuro. Inoltre, se verrà garantito un sistema di autoproduzione, esso potrà essere ampiamente applicato al cibo spaziale, alle razioni militari e al cibo per alleviare la fame”, conclude l’esperto.




26 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page