top of page
  • entonote

Alghe,vermi e funghi, i cibi del futuro contro la malnutrizione




Gli attuali sistemi ad ambiente controllato per la produzione dei nuovi cibi dovrebbero essere integrati per ridurre la vulnerabilità ai cambiamenti ambientali, malattie e parassiti. Alghe come spirulina, chlorella e kelp, larve di insetti come le mosche, e proteine derivate dai funghi possono essere cresciuti in scala, in sistemi compatti e modulari adatti ai contesti urbani, cosí come a comunitá isolate, utilizzando l'approccio che i ricercatori chiamano 'reti policentriche di cibo', in grado di ridurre lla dipendenza dalle catene globali di rifornimento.


Il gruppo di ricerca è giunto a questa conclusione dopo avere analizzato circa 500 studi già pubblicati, relativi a diversi sistemi futuri di produzione alimentare. Il più promettente, che comprende foto-bioreattori di microalghe (strumenti che usano una fonte luminosa per far crescere microrganismi) e l'allevamento in serra di insetti, può ridurre l'esposizione ai pericoli dell'ambiente naturale, lavorando in contesti chiusi e controllati.



11 visualizzazioni0 commenti

Commentaires


bottom of page