Le cavallette potrebbero davvero sostituire la carne bovina?


L'aria nella mia casa di famiglia in Uganda era pervasa da un aroma distinto, non dissimile dall'odore della carne alla griglia. Era il dicembre del 2000 e mia sorella, Maggie, stava friggendo le cavallette. Più tostava gli insetti più forte e ricco diventava l'aroma. Mentre sfrigolavano e il vapore si alzava dalla padella, le mie papille gustative formicolavano: non vedevo l'ora di mangiare questo delizioso spuntino.

Questa non è stata la mia prima esperienza con le cavallette: le mangiavo regolarmente durante la mia infanzia. In Uganda, le cavallette sono una prelibatezza nutriente e uno spuntino molto ricercato.

Circa 22 anni dopo, nel giugno di quest'anno, provavo nostalgia per questo sapore di casa, quindi ho deciso di ricreare alcuni dei miei snack preferiti con le cavallette. Mi è venuta l'idea per un esperimento: sostituire tutta la carne nella mia dieta con queste croccanti creature? Avevo sentito parlare dei benefici in termini di sostenibilità ed ero curioso di scoprire quanto avrei potuto ridurre la mia impronta di carbonio se avessi introdotto le cavallette come principale fonte di proteine.

Ora vivo a Kampala, la capitale dell'Uganda, una città densa senza pascoli dove sciami di cavallette arrivano spesso. Durante maggio-giugno e dicembre-gennaio, quando gli insetti sciamano in gran numero nelle praterie e nei cespugli aperti dell'Africa, i residenti di Kampala si affidano ai venditori per acquistare questi gustosi insetti. I venditori usano luci elettriche luminose per attirare le cavallette e intrappolarle. Bruciano l'erba fresca, usando il fumo per far girare la testa agli insetti, facendoli volare su lamiere di ferro e cadere in fusti di petrolio vuoti.

Il commercio di cavallette è un business in forte espansione. Ogni stagione le strade di Kampala brulicano di venditori, che possono guadagnare circa 760.000 scellini ugandesi (USh), o circa $ 200/£ 162, a stagione. Per un bicchiere di plastica pieno di cavallette vive, con le ali e le gambe strappate via, pago 20.000 Ush ($ 5,26/£ 4,40).

Per me, le cavallette sono come i popcorn: uno spuntino che non voglio mai smettere di mangiare e di cui non mi annoio.

Le cavallette sono uno snack ricco di proteine ​​e sostenibile. Svolgono un ruolo importante nel miglioramento della nutrizione, della sicurezza alimentare e dell'occupazione nell'Africa orientale, afferma Leonard Alfonce, ricercatore in entomologia presso l'Università Sokoine della Tanzania, che ritiene che gli insetti dovrebbero essere coltivati ​​come fonte di cibo sostenibile durante tutto l'anno.

In termini di contenuto nutrizionale, le cavallette dalle lunghe corna, conosciute come Nsenene in Uganda, costituiscono il 34-45% di proteine, il 42-54% di grassi e il 4-6% di fibre. Gli insetti sono generalmente ricchi di vitamine e aminoacidi.

Poi ci sono i vantaggi della sostenibilità. La coltivazione degli insetti utilizza una frazione della terra, dell'energia e dell'acqua necessarie per l'agricoltura tradizionale e ha un'impronta di carbonio significativamente inferiore. (Guarda il nostro video su come gli insetti sono l'anello mancante nella nostra catena alimentare su BBC Reel.)

Peter Alexander, ricercatore senior in sicurezza alimentare globale presso l'Università di Edimburgo, nel Regno Unito, stima che avrei potuto ridurre le emissioni di carbonio della mia dieta di un fattore dieci sostituendo la carne di manzo con le cavallette come mia principale fonte di proteine. "Quello che scegliamo di mangiare conta davvero per le emissioni associate alle nostre diete", afferma.

Secondo uno studio di Alexander e altri ricercatori, sostituire metà della carne consumata in tutto il mondo con larve della farina e grilli potrebbe ridurre di un terzo l'uso dei terreni agricoli, liberando 1.680 milioni di ettari, equivalenti a circa 70 volte l'area del Regno Unito, e riducendo le emissioni globali presso l'Università di Edimburgo.


Quì l'articolo completo https://www.bbc.com/future/article/20220720-why-insects-are-the-sustainable-superfood-of-the-future



10 visualizzazioni0 commenti