top of page
  • entonote

Sashimi di bachi da seta e curry di grilli: gli insetti tornano in auge in Giappone


Durante una recente vacanza a Tokyo, Takumi Yamamoto ha optato per un pranzo speciale a base di curry di grilli e sashimi di baco da seta e del sidro di insetto d'acqua.

L'impiegato di 26 anni di Hyogo, è uno dei tanti consumatori in tutto il mondo che si sono interessati all'entomofagia, o al consumo di insetti.

Da bambino, Yamamoto ha detto che a volte mangiava cavallette imbevute di salsa di soia. A Tokyo, si è lasciato andare alla cucina degli insetti al caffè Take-Noko.

"È divertente scegliere tra una più ampia varietà di piatti", ha detto Yamamoto nell'accogliente caffè al secondo piano, circondato da opere d'arte di insetti e terrari di scarafaggi, formiche e scarafaggi.

“Tutto era gustoso. In particolare, il sidro di insetti acquatici era piuttosto rinfrescante e delizioso, come una mela verde."

L'entomofagia ha iniziato a essere presa sul serio a livello globale dopo che le Nazioni Unite hanno considerato gli insetti una fonte sostenibile di proteine ​​per nutrire una popolazione globale che si stima raggiungerà i 9,7 miliardi entro il 2050.

L'impatto dell'industria del bestiame sul cambiamento climatico, insieme ai problemi di sicurezza alimentare globale dovuti a condizioni meteorologiche estreme e conflitti, hanno anche aumentato l'interesse verso gli insetti.

Mentre alcuni consumatori pensano che mangiare insetti sia semplicemente disgustoso, il Giappone ha una ricca storia culinaria di insetti come cibo.

Cavallette, bachi da seta e vespe venivano tradizionalmente mangiati nelle regioni senza sbocco sul mare dove carne e pesce scarseggiano. Una pratica che si è diffusa tra la carenza di cibo durante e dopo la seconda guerra mondiale, ha affermato il manager di Take-Noko Michiko Miura.

"Recentemente, ci sono stati progressi nell'allevamento di animali come grilli e larve della farina per il cibo, quindi la possibilità di utilizzare gli insetti come ingredienti sta davvero crescendo", ha aggiunto.

Diverse aziende, tra cui il marchio di panetteria nazionale Pasco, hanno venduto torte e snack a base di farina di grilli, e il produttore di alimenti trasformati Nichirei e le telecomunicazioni Nippon Telegraph and Telephone hanno investito in iniziative di insetti nell'ultimo anno.

Il termine "grilli" ha anche iniziato a fare tendenza nei media giapponesi di recente, dopo che le notizie sugli insetti in polvere venivano usate nei pranzi scolastici e negli spuntini.

L'interesse dei consumatori si è esteso anche a Take-Noko, che secondo il manager Miura è spesso al completo nei fine settimana.

Il ristorante nasce da un'idea di Takeo Saito che ha fondato la sua omonima azienda Takeo Inc nove anni fa e l'ha ampliata per includere un'attività di cibo confezionato che offre più di 60 tipi di prelibatezze per artropodi, dagli scorpioni alle tarantole.

"Il nostro obiettivo non è che gli insetti siano qualcosa di separato, ma da gustare sulla stessa tavola con verdure, pesce e carne", ha detto Saito.


35 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page