top of page
  • entonote

Tradizioni entomofagiche nel mondo


Mangiare insetti non è una pratica nuova, né è lasciata a chi è ai margini della civiltà. Mangiare insetti, una pratica nota come entomofagia, è una pratica antica e sempre più comune che prende forma in molte forme diverse in tutto il mondo.

Messico

Secondo Lonely Planet, il Messico ha il maggior numero di insetti commestibili al mondo. Ospita anche molte culture e comunità indigene che hanno utilizzato gli insetti nella loro cucina per migliaia di anni.

Chapulines o cavallette sono uno degli insetti più consumati nel paese. Essiccati o fritti, sono lo spuntino più delizioso da bar o da viaggio e possono essere trovati con vari condimenti. Tuttavia, puoi trovare insetti in alcuni dei migliori ristoranti di Città del Messico, incluso Pujol, quindi non è riservato solo allo street food o agli snack.

Gana

Nel 2015, con l'aiuto di Aspire Food Group , un'organizzazione dedicata a supportare la tecnologia e l'innovazione degli allevamenti di insetti, il Ghana è diventato il primo dei due paesi a intraprendere i processi di allevamento commerciale del punteruolo della palma. Sono insetti ricchi di ferro, e il progetto è stato lanciato dagli agricoltori locali come ulteriore fonte di reddito oltre che per la crescita di una fonte proteica sostenibile.

Sud Africa

Il consumo di insetti in varie forme e tradizioni è fondamentale tra i vari gruppi indigeni in tutto il continente africano nel suo insieme. La pratica del consumo di insetti, tuttavia, è segnalata in declino nelle aree che hanno adottato fonti di cibo più occidentali, tra le giovani generazioni. Il timore è che con il declino della pratica del consumo di insetti, non solo la pratica culturale venga persa per le generazioni future, ma anche la conoscenza indigena che ha accompagnato la tradizione.

Giappone

Vengono consumate vespe e molte altre specie, compresi i calabroni giganti (usati per creare lo shochu) e le loro larve, la cui consistenza, osserva Ho, è paragonabile a quella dei gamberi. In effetti, questa pratica è così profondamente radicata che viene celebrata ogni anno con il Kushihara Hebe Festival, dedicato alla celebrazione di tutto ciò che riguarda la vespa

America

Dozzine di varietà di insetti venivano mangiate regolarmente e utilizzate in medicina tra le tribù dei nativi americani in tutto il Nord America. Le comunità indigene usavano varie specie come alimentazione ma anche per le loro proprietà medicinali, ideando sistemi di raccolta specifici proprio come per altri cibi selvatici.

Brasile

Il Brasile è la patria di Maria Tatuyo, una beniamina di 22 anni di TikTok che si fa chiamare Cunhaporanga. Cunhaporanga è nota per mostrare la sua vita quotidiana come donna indigena, compreso il consumo di insetti.

Non solo, anche importanti chef hanno inserito gli insetti nei loro menu di degustazione, tra cui Alex Atala, il cui ristorante D.O.M. è pubblicizzato come uno dei migliori al mondo. Uno degli obiettivi era aiutare a dissipare l'idea che solo i disperati o impoveriti mangiassero insetti.

Olanda

Nel 2012 l'Unione Europea ha stanziato fino a 4 milioni di dollari in fonti proteiche a base di insetti, con i Paesi Bassi che hanno investito profondamente. In un sondaggio del 2022, un olandese su cinque che ha risposto aveva già provato gli insetti per conto proprio, con quasi l'80% d'accordo sul fatto che i produttori di alimenti dovrebbero includere più proteine ​​a base di insetti nei loro prodotti (tramite Voedings Industry).

Norvegia

Dopo che l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura ha pubblicato un rapporto nel 2014 che cantava le lodi degli insetti commestibili, la produzione di prodotti a base di insetti in paesi e regioni in cui non è una pratica indigena è aumentata in modo significativo. Tuttavia, ci è voluto del tempo prima che gli aspetti legali prendessero piede. La vendita e l'uso di insetti commestibili all'interno dei prodotti alimentari hanno raggiunto lo status legale solo nei paesi nordici di Norvegia, Danimarca e Finlandia nel 2017, a differenza di altri paesi in cui la pratica dell'entomofagia fa parte della dieta indigena da centinaia di anni.

Nona Zeanda

Per molti neozelandesi, il concetto di mangiare insetti non è il tipo di pratica sconosciuta o controversa che farebbe alzare un sopracciglio. Secondo un sondaggio condotto dall'Università di Auckland su 668 residenti nel Paese, il 60% sarebbe disposto a provare a mangiare insetti, con il 59% che lo ha già fatto almeno una volta, se non regolarmente.



159 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page